Cosa succede in caso di insolvenza di un prestito

 

Che cosa succede realmente quando non si riesce a pagare una rata di un finanziamento? E quando il finanziamento non lo si paga proprio ? Scopriamo insieme i dettagli.

Il credito al consumo è un valido strumento che ci permette di ottenere liquidità per spese improvvise o di una certa rilevanza. Nella situazione economica internazionale in cui ci troviamo a vivere è sempre più frequente trovarsi nella situazione di avere necessità di capitali. E’ per questo che quello dei troppi prestiti personali, o comunque dei troppi impegni è ormai una realtà che crea sempre più problemi ai nuclei familiari del nostro Paese.

I problemi non nascono solo nel caso di grossi finanziamenti, ma anche e soprattutto quando si accumulano tutta una serie di “piccole rate” che insieme prendono elevata consistenza, pesando oltremodo su nuclei familiari che in molti casi hanno visto diminuire il proprio reddito. Ed ecco che si insidia la paura, e più frequentemente il rischio concreto di  “insolvenza”.

Che cosa succede realmente quando non si riesce a pagare una rata di un finanziamento? E quando il finanziamento non lo si paga proprio più?

Non riuscire a pagare una rata

E’ importante conoscere ogni risvolto dell’insolvenza soprattutto prima di stipulare un qualsivoglia finanziamento, prestito, mutuo. Al di là dell’importo richiesto bisogna  essere consapevoli di ciò a cui si va incontro nei casi di insolvenza.

La materia è molto varia perché diversi sono gli scenari che si possono presentare in caso di insolvenza. Molto dipende del soggetto creditore (la banca) e dall’importanza del credito insoluto. Quando si decide di accendere un prestito personale bisogna essere certi e convinti di poter far fronte all’impegno preso. E’ ovvio che l’imprevisto può accadere a chiunque ma, in linea di massima si deve da principio ritenere di poter onorare il proprio debito. Purtroppo le conseguenze in caso di insolvenza sono sempre spiacevoli.
Se decidete di chiedere un prestito finanziario con l’intenzione di non restituirlo per intero, sappiate che avrete conseguenze sul piano patrimoniale, penale e sulla possibilità di ottenere altri prestiti in futuro.
È importare riuscire ad onorare anche la singola rata mensile, perché è sufficiente una sola rata non pagata per essere considerati inadempienti dall’ente che vanta un credito nei vostri confronti.mancato pagamento rata

 Provvedimenti bancari in caso di insolvenza

In caso di insolvenza ogni banca  può decidere, in autonomia, di comportarsi in modo differente.
In genere, la prima conseguenza  è l’applicazione di una mora (vale a dire interessi maggiorati) sulla rata che risulta  non pagata.

Alcune banche già in questa prima fase e quindi al vostro primo segnale di difficoltà possono provvedere  a segnalarvi presso  la Centrale Rischi (CRIF) come “cattivi pagatori” . Le conseguenze di una segnalazioni sono tante.  Una volta entrati nella lista dei cattivi pagatori, fino a 36 mesi dopo la scadenza del contratto di finanziamento nessuno sarà più propenso a concedervi un credito. Le banche dati infatti vengono sempre consultate dagli istituti di credito prima di procedere all’erogazione di un prestito.

E se le rate non pagate sono più di una?

In questo caso  il creditore vorrà recuperare il maltolto. Provvederà così alla richiesta di recupero credito forzato dando l’incarico a figure legali esterne.
Ecco le modalità di recupero più frequenti:

  • la richiesta del quinto dello stipendio nel caso in cui siete lavoratori o la trattenuta in busta paga attraverso pignoramento evitando così anche  la segnalazione di cattivo pagatore.
  • se non lavorate, cosa abbastanza improbabile, si passa invece al pignoramento dei vostri beni patrimoniali . In tal caso non sarà possibile evitare la segnalazione in Crif
  • se invece siete nel frattempo divenuti nullatenenti, la banca non potrà recuperare il suo credito ma per voi sarà impossibile in futuro avere accesso a linee di credito presso qualsiasi istituto.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento