Crisi e famiglie italiane, la situazione peggiorata per il 55,8%

 

Non si arresta la crisi economica in Italia. Il 55.8% delle famiglie sente il disagio economico e l'abbassamento della qualità della vita.

Non si arresta la stangata della crisi economica sulle famiglie italiane, sempre più costrette a stringere la cinghia per potersi sostenere.

La fotografia scattata è quella di un paese che diventa sempre più povero e di stipendi in media più bassi di quelli erogati da altri paesi europei. I dati Istat confermano questo quadro negativo: dal 2011 al 2012, le famiglie che hanno risentito di un peggioramento della loro qualità di vita, sono salite dal 43,1% al 55,8%, con un rialzo di quasi 14 punti, mentre solo il 40% dichiara di avere una situazione economica invariata.

Dal 2007, anno in cui è effettivamente iniziata la crisi economica in Italia, la percentuale di famiglie con disagi economici è aumentata di 5,2 punti rispetto al 41,9% iniziale.

L’analisi dimostra che le sofferenze maggiori sono territorialmente collocate nel sud Italia, con il 56.2% degli abitanti, mentre la percentuale scende al centro con il 47% ed al nord con il 41%.

Per quanto riguarda invece i settori lavorativi che risentono maggiormente della contrazione del livello di vita, il 58.8% sono lavoratori autonomi mentre il 56,9% operai. Resta comunque allarmante il dato di coloro in cerca di occupazione che si aggira intorno al 73%.

La settimana scorsa la Banca d’Italia ha dato un preciso allarme, rispetto al fatto che due famiglie su tre, percepiscono il disagio economico, e solo lo 0,8% si dichiara soddisfatto del proprio stile di vita in rapporto alle sue facoltà economiche.

Entrando poi nello specifico, il 55,7% delle persone oltre i 14 anni si dichiara insoddisfatto, rispetto al 49,5% del 2011.

Secondo l’Istat, questa situazione di peggioramento rispetto al 2011, è dovuta agli indicatori  di deprivazione europei: il 22,2% sono famiglie che risentono gravemente di  due o tre deprivazioni economiche, mentre sale all’11,1% (rispetto al 6,6%), quelle con quattro o più deprivazioni.

Anche la Banca d’Italia non appare ottimista divulgando dei dati dai quali evincono chiarissimi segnali di grande difficoltà da parte delle famiglie impossibilitate a mettere da parte qualche risparmio.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Crisi e famiglie italiane, la situazione peggiorata per il 55,8%  

Tag

,

Articoli simili

Autore

Laureanda in Giurisprudenza, ha iniziato a scrivere da due anni e si è ritrovata avvolta in una nuova passione senza accorgersene. Dove c’è un posto in cui raccontare qualcosa, esprimere un’opinione, portare avanti un progetto di ricerca c'è, pronta a dare un contributo e ad arricchire il suo bagaglio di esperienze.

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento