Home » Mutui » News Mutui »

Draghi: tassi d’interesse bassi a lungo, gli effetti su mutui e prestiti

 

Tassi di interesse bassi bassi più a lungo: Draghi fa questo “regalo” a chi ha debiti.

Mutui e tassi d’interesse. Mario Draghi, governatore della Banca Centrale Europea BCE ha ufficializzato il congelamento del costo del denaro e dei tassi di interesse, oggi bassi, mantenendolo inalterato allo 0,5%. Una boccata d’ossigeno per tanti italiani abituati a pagare tassi di interesse più alti della media europea, come rivela una recente ricerca.

Avere più soldi in tasca: questo vuol dire in concreto per singoli e famiglie indebitate questo taglio dei tassi d’interesse BCE. Perché se si ha, ad esempio, un mutuo a tasso variabile sulla casa, i tassi di interessi bassi si traducono in una rata bassa. Se si ha un prestito acceso per pagare, ad esempio, i mobili, la ristrutturazione o la la vacanza, le rate si manterranno basse, se anche in questo caso il tasso di interesse che si è scelto è di tipo variabile.

Ecco un elenco di casi concreti

Cosa accade se….

  • Hai un mutuo a tasso fisso? Non cambia nulla nel tasso di interesse, la rata è la stessa di prima
  • Hai un mutuo a tasso variabile? Non ci sono adeguamenti al rialzo, la rata rimane la stessa e non cresce
  • Hai un prestito a tasso fisso? Non cambia nulla nel tasso di interesse, la rata è la stessa di prima
  • Hai un prestito a tasso variabile? Non ci sono adeguamenti al rialzo, la rata rimane la stessa e non cresce
  • Hai tutti i tuoi risparmi sul conto corrente? La rendita rimane bassissima, e non aumenterà nell’immediato
  • Vuoi chiedere denaro in prestito? Sappi che, anche se il tasso di interesse Bce è quasi a livello zero, il peso del famigerato spread fa volare i tassi ad almeno il 3%, appena poco tempo fa si riusciva a ottenere un prestito anche all’1%. Per saperne di più, è possibile consultare la nostra Guida al prestito.

I tassi di interesse bassi, insomma, portano buone notizie per chi è indebitato, meno per chi ha dei risparmi. Ma il taglio dei tassi di interesse Bce va considerato come strutturale ancora per tanto tempo, Draghi considera questa una scelta a sostegno del rilancio dell’economia.

Il futuro potrà vedere tassi d’interesse bassi per lungo tempo, e addirittura potrebbero calare e calare ancora, se lo spread dovesse scendere a livelli minori. Ma sullo spread, la Banca Centrale Europea e Mario Draghi possono poco, dipende tutto dalla credibilità che il nostro paese saprà conquistarsi sui mercati internazionali.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Draghi: tassi d’interesse bassi a lungo, gli effetti su mutui e prestiti  

Tag

, , ,

Articoli simili

Autore

Giornalista content editor esperta di seo e specializzata in economia, cronaca interna e cronaca estera. Insegno comunicazione e giornalismo

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento