News finanziamenti: nuove agevolazioni riservate alle startup

 

Il Governo da il suo ok a nuovi provvedimenti e ad agevolazioni finanziarie da riservare nei confronti delle startup innovative.

Via libera dal Governo in termini di nuovi finanziamenti ed agevolazioni riservati alle startup innovative.

Lo scorso 12 luglio, la Consob ha varato e presentato alla Camera il decreto sul crowdfunding, novità confermata ieri con successo al roof garden dell’I3P in occasione del Pitch on the Beach di TreataBit, un percorso di incubazione dedicato a progetti in ambito digitale rivolti al mercato consumer.

I nuovi provvedimenti

Si tratta dell’entrata in scena di nuovi provvedimenti atti ad andare incontro alle esigenze delle startup, come l’estensione quinquennale del regime agevolato  e l’accesso alle piattaforme di crowdfunding per la raccolta di fondi di finanziamento progetti.

La legge era stata pubblicata alla fine del 2012 per poi diventare operativa nella seconda metà del 2013 (ne avevamo parlato qui) mediante l’adozione di significativi tagli alla burocrazia, dell’abbattimento dei costi d’iscrizione delle Startup innovative a un registro dedicato, di modifiche al diritto del lavoro.

I  finanziamenti prevederanno importanti sgravi fiscali per gli investitori insieme a un equity crowdfunding su tre piattaforme autorizzate  con garanzia pubblica all’80%insieme alla definizione di determinate soglie di rischio:

  • fino a 500 euro con sottoscrizione del capitale sociale online;
  • con l’appoggio delle banche per investimento di capitali maggiormente ingenti;
  • fino a 1.000 euro l’anno per i privati;
  • fino a 10.000 euro l’anno per persone giuridiche.

E’ previsto inoltre un periodo di recesso a sette giorni.

Tra gli enti autorizzati alla raccolta dei fondi vi saranno istituti di credito tradizionali già in possesso dell’autorizzazione a questa tipologia di azioni insieme a una serie di nuovi attori che dovranno iscriversi ad un apposito registro Consob previo l’accertamento di determinati e specifici requisiti atti a garantire onorabilità e assenza di condanne o procedimenti penali a carico di soci e organizzatori.

I risultati attesi

Il nuovo decreto sul crowdfunding si propone come una boccata d’ossigeno per le startup ma soprattutto per far avanzare l’Italia in quanto Paese all’avanguardia in Europa attraverso un’importante percorso atto a finanziare le imprese innovative.

Le riforme sono state istituite sul percorso delineato da precedenti linee guida europee in termini di risultati registrati dal fenomeno delle startup innovative: nel corso dell’ultimo decennio infatti, nei paesi membri dell’OCSE, le imprese di nuova nascita sono risultate le stesse  che hanno generato il maggior numero di posti di lavoro.

Per quanto riguarda l’Italia, dalla metà del 2013 si sono iscritte al registro 2315 startup innovative e tutt’ora il numero cresce fra 30 e 40  nuove imprese a settimana. Conseguentemente sono stati creati 9.000 posti di lavoro per un fatturato totale pari a circa 500 milioni di euro.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
News finanziamenti: nuove agevolazioni riservate alle startup  

Tag

, , ,

Articoli simili

Autore

Laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha iniziato a scrivere tre anni fa mettendosi alla prova per gioco e con curiosità, trasformando pian piano le prerogative iniziali in un interesse e una passione crescente, fino ad arrivare a fare della scrittura una vera e propria attività, per condividere e comunicare quante più informazioni utili e possibili.

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento