Prestiti a tempo, boom del modello dei payday loan in sterline

 

Il dramma della quarta settimana, quando i soldi sono finiti, in Gran Bretagna si cura con i prestiti. Da restituire il giorno in cui si riceva la successiva busta paga

Si chiamano payday loan in sterline, sono i prestiti a tempo che stanno spopolando in Gran Bretagna facendo arricchire chi li eroga e intervenendo per sanare il dramma della quarta settimana.

Il payday loan è una formula di prestiti a tempo che in Italia si usa molto poco, ma che è molto semplice da intendere. Si tratta di microcredito, un prestito di esigue dimensioni, sulle 1000 sterline (l’equivalente di circa 1200 euro) che viene restituito appena si ha la nuova busta paga, e che serve per arrivare a fine mese e affrontare il cosiddetto dramma della quarta settimana. Il 27 del mese è lontano ma perchè aspettare per spendere, è la logica dei payday loan in sterline, appunto “prestiti del giorno di paga”.

I numero forniti da Wonga, una start up specializzata nel servizio di erogazione di payday loan in sterline raccontano che il numero di questo tipo di prestiti è cresciuto di più del 50 per cento in un anno. Anche in Gran Bretagna si sente molto il dramma della quarta settimana!

Wonga, che offre payday loan fino a mille sterline a un tasso di interesse annuale del 5,8%, registra incassi, sparsi su più paesi nell’ordine di circa 300 milioni di sterline nel 2012, il 67% in più dell’anno precedente. Al netto delle tasse sono stati 62,5 milioni di sterline, in crescita del 36% rispetto al 2011.

L’identikit di chi vive il dramma della quarta settimana e in Gran Bretagna chiede un microcredito è quello del giovane, single, con un lavoro anche imprenditoriale, digitalmente alfabetizzato e affidabile, che spesso fa ricorso a questo tipo di prestito perchè gliene vengono negati altri. Anche se, fanno notare dalla start up, non tutti i prestiti a tempo sono redditizi e aumentano i debiti insoluti.

Il potenziale di crescita dei prestiti a tempo anche in Italia è ampio: il dramma della quarta settimana si avverte anche qui, tra diminuzione del salario e del potere di acquisto, perdita del lavoro, variazioni nelle pensioni, malattie, separazioni ed emergenze varie. Secondo alcune stime sarebbero già mezzo milione le famiglie che avrebbero bisogno di un facile accesso al microcredito come accade in Gran Bretagna, un payday loan non in sterline ma in euro per pagare le rate per il mutuo, far fronte alle spese di affitto, luce, gas e riscaldamento…

La formula del payday loan in sterline – una delle tante nuove forme di prestito come quelli che vengono erogati dopo uno studio sui social network –  ha anche subito forti critiche, anche da parte della locale Autorità per la concorrenza per via di sospetti comportamenti scorretti e di una eccessiva competizione sulla velocità del servizio. Ma in generale il microcredito, non solo in Gran Bretagna, non da tutti è visto di buon occhio. Perchè i payday loan vengono usati per ”mantenere il livello di consumo” in emergenze che spesso sono strutturali e si ripetono di mese in mese. È raro che vengano utilizzati per coprire delle spese per una attività commerciale che sia poi produttiva e crei nuovo reddito.

Ma chi ha a che fare col dramma della quarta settimana certe considerazioni certo non le fa.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Prestiti a tempo, boom del modello dei payday loan in sterline  

Tag

, ,

Articoli simili

Autore

Giornalista content editor esperta di seo e specializzata in economia, cronaca interna e cronaca estera. Insegno comunicazione e giornalismo

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento