Prestiti Inpdap: calcolo, tassi e regolamento

 

Prestiti inpdap dipendenti pubblici: vediamo insieme le caratteristiche di queste formule di finanziamento, a chi sono riservate e come fare per ottenerle.

L’Inpdap, l’Istituto Nazionale di Previdenza per i dipendenti della Pubblica Amministrazione, propone ai propri dipendenti, ex dipendenti o pensionati diverse soluzioni relative a finanziamenti e prestiti personali in grado di soddisfare ogni esigenza soggettiva ed economica, con modalità di restituzione del capitale modellata sulla base delle singole esigenze personali. Vediamo le caratteristiche di questi prestiti Inpdap dipendenti pubblici.

Cosa sono i prestiti Inpdap e a chi sono riservati

I prestiti Inpdap sono finanziamenti erogati dall’Inpdap, l’Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti della pubblica amministrazione, caratterizzati dall’applicazione di tassi d’interesse agevolati. Possono essere richiesti esclusivamente da dipendenti, ex dipendenti e pensionati Inpdap con età compresa tra i 18 e i 70 anni, residenti su territorio italiano, iscritti alla gestione delle prestazioni creditizie sociali e che abbiano provveduto al versamento della regolare contribuzione presso l’ente nazionale di previdenza.

Tipologie di prestiti Inpdap

Esistono varie e diverse tipologie di prestiti Inpdap:

  • Il piccolo prestito Inpdap, che garantisce un capitale massimo erogabile fino a 5.000 euro con piano di romborso tra i 12 e i 48 mesi;
  • I mutui Inpdap fino a 300.000 euro con piani di rimborso dai 10 ai 30 anni;
  • Il prestito Inpdap per matrimonio o figlio fino a circa 15.000 euro;
  • Il prestito auto Inpdap fino a 100.000 euro.

Tutte le formule si avvalgono del medesimo regolamento per erogazioni prestiti Inpdap.

Come richiedere un prestito Inpdap

Per ottenere una delle qualsiasi formule di prestito Inpdap, è necessario fare richiesta all’Ente presentando la propria ultima busta paga lavorativa o il cedolino della pensione insieme a un documento d’identità in corso di regolare validità.

Come precedentemente specificato, ricordiamo che queste formule di finanziamento sono riservate a:

  • dipendenti Inpdap;
  • ex dipendenti Inpdap;
  • pensionati Inpdap;
  • con età compresa tra i 18 e i 70 anni;
  • residenti su territorio italiano;
  • iscritti alla gestione separata delle prestazioni creditizie sociali;
  • che abbiano provveduto ad effettuare il regolare versamento dei contributi Inpdap;

Interessi ed erogazione

Per i prestiti Inpdap, il capitale viene erogato dallo stesso Ente per quella che viene chiamata erogazione diretta. Nel caso di indisponibilità di fondi, il capitale verrà erogato da istituti bancari convenzionati con l’Ente. Si parlerà quindi di erogazione indiretta. I tassi dei prestiti personali Inpdap sono agevolati perché l’Ente stesso provvede a garantire la restituzione del capitale: contributi,  TFR e stipendio del dipendente rappresentano un fondo di cui disporre.

Per fare un calcolo prestiti Inpdap, il tasso di interesse di un prestito Inpdap sarà pari

  • al 3,50% per un finanziamento fino a 2 anni;
  • al 4,25% per un finanziamento oltre i 2 anni;
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Prestiti Inpdap: calcolo, tassi e regolamento  

Tag

,

Articoli simili

Autore

Laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha iniziato a scrivere tre anni fa mettendosi alla prova per gioco e con curiosità, trasformando pian piano le prerogative iniziali in un interesse e una passione crescente, fino ad arrivare a fare della scrittura una vera e propria attività, per condividere e comunicare quante più informazioni utili e possibili.

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento