Prestiti per il sud Italia: aumentano le richieste di cessione del quinto

 

Un significativo incremento si registra al sud Italia per le richieste di prestiti personali sotto forma di Cessione del quinto. ecco tutti i dettagli nel 2014.

Sono sempre più numerosi i nostri connazionali che decidono di fare ricorso alla cessione del quinto. Le richieste di cessione del quinto dello stipendio  e di cessione del quinto della pensione rappresenterebbero circa il 16% del totale delle richieste. Gli istituti di credito, ovviamente, preferiscono questo strumento  perché caratterizzato dal  basso rischio di insolvenza. Per quanto attiene al profilo lavorativo dei richiedenti, il 15 % sono lavoratori a tempo indeterminato o pensionati, ben il 49% del totale, invece,sono dipendenti del settore privato e il 32% sono dipendenti pubblici o statali.

 Aumentano esponenzialmente le richieste di cessione del quinto al Sud

Geograficamente la percentuale di richiesta di cessione del quinto aumenta nelle regioni del Sud Italia come Calabria, Puglia, Sicilia e Campania.

Il primo semestre 2014 ha mostrato una crescita del numero  di richieste, effettuate da residenti nel Sud Italia, volte ad ottenere un Prestito Personale sotto forma di Cessione del Quinto dello Stipendio o Cessione del quinto della Pensione.  Anche in questo inizio di secondo semestre 2014, per quanto concerne le Cessioni del Quinto, il trend appare del tutto invariato anzi, si registra  un ulteriore incremento delle richieste di cessione del quinto nelle regioni del Sud Italia e la Sicilia rimane sempre al primo posto.

“La Sicilia, seguita da Campania, Lazio e Sardegna - secondo i dati elaborati dal Portale Prestito.it - si confermano le Regioni Italiane dalle quali perviene il maggior numero di richieste di Prestiti Personali con Cessione del Quinto.

La Sicilia, oltre che per il numero di richieste, è in testa anche per il valore degli importi oggetto delle domande di finanziamento, circa 23.000 euro. Dato di un certo rilievo se si considera che la  media nazionale si ferma ad un importo di circa 16.000 euro.

 

 

 Perché proprio al sud?

I dati statistici mettono in evidenza, quindi, che al Sud Italia per ottenere un Prestito Personale la formula più diffusa è  la Cessione del Quinto dello Stipendio o, a voler essere precisi, la Cessione del Quinto della Pensione.

Il motivo di questo aumento delle richieste di cessione del quinto nel Sud Italia, è dovuto al disagio socio-economico del meridione che rende estremamente difficile l’accettazione di altri prodotti finanziari: prestiti personali classici, mutui  e chirografari.

Dall’analisi dei dati forniti da Prestiti.it pare e evidente che la crisi economica  si faccia sentire maggiormente nel sud Italia, nel quale lavoratori e pensionati necessitano di liquidità per affrontare le spese che appartengono al quotidiano. Per ottenere capitali, e tenendo conto della stretta sul credito operata dagli istituti bancari, ricorrono sempre più alla cessione del quinto, “sacrificando” parte dello stipendio o della propria pensione.

 Perché la cessione del quinto?

La “cessione del quinto” è tra le forme di accesso al credito più utilizzate perché consente di ottenere un prestito in tempi rapidi e con garanzie per l’istituto di credito.

Il soggetto finanziato, infatti, non deve prestare garanzie e non è importante, in linea di massima, se in passato ha avuto problemi con altri finanziamenti. Questo perché la garanzia per l’erogante, in linea con quanto previsto nel codice civile, sono fornite dal datore di lavoro e non dal soggetto finanziato.

I dati menzionati si riferiscono alle sole richieste di Cessione del quinto dello Stipendio e Cessione del quinto della pensione al Sud Italia. Bisogna ricordare che  tra richiesta e concessione di un Prestito c’è una bella differenza. Basti pensare che nelle regioni del Sud Italia  solo il 23% delle richieste si conclude positivamente con l’erogazione di una Cessione del quinto per l’importo richiesto.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento