Prestiti per lavoratori interinali: come funzionano e come richiederli

 

Sì all'accesso al credito a lavoratori atipici o a tempo determinato: condizioni, vantaggi e alcune peculiarità nei prestiti per lavoratori interinali

Per i lavoratori senza reddito fisso, ottenere un finanziamento è possibile: alcuni istituti di credito, infatti, per venire incontro a giovani e precari, cominciano a proporre prodotti finanziari più accessibili. Prendiamo i prestiti per lavoratori interinali, ad esempio.

Il lavoratore interinale, o temporaneo, fornisce la propria prestazione ad una azienda in un arco di tempo prestabilito. La Legge che regola questo contratto di lavoro, indica tre figure coinvolte: il lavoratore, l’impresa che richiede la manodopera e l’agenzia di lavoro interinale che si pone come intermediaria tra lavoratore e azienda.

Il lavoratore in questo caso è considerato dipendente delle agenzie di lavoro interinale, anche se praticamente presta il suo lavoro presso altre aziende, e il contratto di lavoro stipulato con l’agenzia del lavoro interinale rappresenta una prova dimostrabile di reddito continuativo, seppure limitato nel tempo, consentendo l’accesso al finanziamento.

Certo, durata ed importi finanziabili dei prestiti per lavoratori temporanei sono limitati ma per ottenere condizioni vantaggiose, oltre a rivolgersi ad una banca o società finanziaria, si può ricorrere al fondo di garanzia Ebitemp.

Prestiti per lavoratori interinali: il fondo di garanzia Ebitemp

Ebitemp è l’Ente bilaterale per il lavoro temporaneo che ha istituito un fondo di garanzia per l’erogazione di piccoli prestiti personali a condizioni favorevoli per i lavoratori in somministrazione dipendenti dalle Agenzie per il Lavoro associate Ebitemp.

Il fondo è attivato attraverso una convenzione con la Banca Monte dei Paschi di Siena ed eroga fino a 2.500 euro a tasso zero, e finanziamenti da 4.000 a 10.000 euro a tasso 3%.

Per farne domanda sono richiesti: un periodo di missione residua di almeno 30 giorni, la compatibilità economica (valutazione in funzione della retribuzione) e, per prestiti superiori a 1.000 euro, la motivazione, che è sempre valutata da una Commissione.

Nel modulo della richiesta vanno indicati, tra le altre cose, l’importo del prestito e il numero delle rate mensili per estinguerlo, tenendo conto che la rateazione può arrivare fino ad un massimo di 9 mesi oltre la scadenza del contratto. Per gli importi tra i 4.000 e i 10.000 euro, le rate possono dilatarsi fino ad un massimo di 42 mesi, oltre la scadenza del contratto. per questi ultimi, si tratta dei c.d. prestiti di carattere sociale e per ottenerli la motivazione dovrà corrispondere ad un’esigenza sociale del lavoratore, ad esempio: cauzione sull’affitto della casa, spese notarili nel caso di acquisto dell’abitazione principale, costi di inserimento sociale per lavoratori immigrati, spese sanitarie.

Prestiti lavoratori a tempo determinato

I prestiti per lavoratori interinali rientrano nella più generale categoria dei prestiti per lavoratori a tempo determinato, come quelli per apprendisti o i prestiti personali con contratto a termine.

La condizione fondamentale per ottenere il finanziamento è quella di avere un prestito che non superi, come durata, quella del contratto di lavoro in essere, siano essi lavoratori a progetto, apprendisti, colf e badanti, ecc. Ad esempio, se il contratto di apprendistato dura 36 mesi, anche la durata del contratto di lavoro deve durare al massimo 36 mesi.

Purtroppo il limite della durata del finanziamento, unita al reddito netto mensile, che in queste tipologie di lavoro è spesso contenuto, riduce anche l’importo massimo ottenibile.

Tuttavia questi prestiti offrono alcuni interessanti vantaggi: si tratta infatti di prestiti personali per liquidità immediata, che non sono finalizzati, e quindi non richiedono motivazione né alcun giustificativo di spesa; inoltre, i prestiti personali per dipendenti a contratto sono spesso caratterizzati da tassi di interesse convenienti, senza alcuna spesa amministrativa o di istruzione della pratica.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Prestiti per lavoratori interinali: come funzionano e come richiederli  

Tag

,

Articoli simili

Autore

41 anni, laurea in giurisprudenza. Esperta in comunicazione e relazioni pubbliche, in particolare nello sviluppo strategico e coerente delle attività di comunicazione Corporate e Consumer, gestione diretta delle media relation e media partnership, ideazione e gestione di progetti e campagne d’informazione sociale. Curiosa, esprime le proprie scelte con intrepida avventura, consapevolezza, disciplina e amore profondo, perché ogni istante è sapore e opportunità.

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento