Prestito d’onore, come funziona e come si ottiene? Ecco la guida

 

Il prestito d’onore è uno speciale prestito agevolato nato con l’obiettivo di favorire i giovani. Ecco come funziona e i requisiti per ottenerlo.

I prestiti personali d’onore sono una risposta alla richeista di credito da parte di studenti e non solo. Lo scorso 26 giugno è stato approvato il decreto “lavoro” col quale il Governo ha stanziato i fondi per incentivare l’imprenditoria ed il lavoro giovanili, prevedendo, tra le altre misure, la revisione del vecchio prestito d’onore quale strumento per sostenere l’imprenditorialità e l’autoimpiego in favore dei giovani e delle categorie svantaggiate nel Mezzogiorno ed offrire una risposta significativa alle problematiche e alle difficoltà nell’avvio di un’impresa.

Prestito d’onore – Cos’è

Il prestito d’onore è una particolare forma di finanziamento dedicato ai giovani, sia all’imprenditoria giovanile che agli studenti meritevoli che necessitano di soldi per avviare una propria impresa oppure per finire gli studi di laurea, master o dottorato.

La sua natura è appositamente studiata per soddisfare le esigenze di chi intende avviarsi ad una posizione lavorativa autonoma di tipo imprenditoriale e meritoria.

La sua caratteristica è quella di riuscire a coniugare due fattori indispensabili: l’accesso agevolato al credito e l’accesso ad una formazione specifica e/o un aiuto tecnico per la fase dello start-up.

Prestito d’onore per studenti

Istituito con la Legge 390/1991, il prestito d’onore per studenti consiste in una linea di credito in conto corrente che una banca concede a uno studente per la copertura di qualunque esigenza di formazione: dai costi in sé dei corsi di laurea (sia triennale che magistrale) o dei master e dottorati, fino a quelli dei libri o del vitto e dell’alloggio per i fuori sede.

Possono accedere al prestito gli studenti iscritti ai corsi universitari e residenti in Italia, che siano in possesso, oltre che requisiti di reddito, dei requisiti di merito (diploma di maturità con voti alti, ottimi voti agli esami universitari) per tutta la durata del conferimento. In media è previsto un importo annuo erogabile fino a 5-6mila euro.

Il vantaggio del prestito d’onore consiste nella restituzione, che avviene solo dopo aver utilizzato l’intera somma in un orizzonte temporale abbastanza ampio, a 10 o addirittura15 anni. Inoltre, il rimborso comincerà non prima che siano trascorsi 30 mesi – anche 2 anni – dall’erogazione dell’ultima rata del prestito. Questo per consentire ai neo laureati di trovare un lavoro e restituire il finanziamento. Lo svantaggio sta nel fatto che le banche sono restie a concedere prestiti d’onore basati su meriti e sul curriculum, in quanto purtroppo, al giorno d’oggi, ad un buon curriculum universitario non segue un altrettanto buon posto di lavoro; le banche perciò chiedono spesso alle università di garantire questi prestiti con un fondo, cosa che non sempre avviene.

Il prestito d’onore per studenti è regolato da specifiche convenzioni tra banche ed i vari Atenei: per la domanda, bisogna rivolgersi presso la segreteria universitaria, che farà inoltre da tramite per l’inoltro della richiesta.

Prestito d’onore per imprese

Il prestito d’onore per imprese trova riferimento normativo anzitutto nella Legge 608/1996, articoli 9 sieptes e osties, sulle misure straordinarie per la promozione del lavoro autonomo nelle Regioni del Mezzogiorno, con agevolazioni varie e con una quota a fondo perduto; successivamente il Dlgs. 21/4/2000 n. 185, ha messo a disposizione una serie di contributi, rivolti all’intero territorio nazionale, con incentivi all’autoimprenditorialità e all’autoimpiego. Infine, il D.L. 295/2001 contenente il regolamento attuativo delle norme stabilite Dlgs. 185/2000, ha completato il quadro del prestito d’onore e della legge ad esso collegata.

Come funziona

In termini tecnici, il prestito d’onore è un’agevolazione al credito concessa a chi – con età compresa tra i 18 e i 35 anni – voglia intraprendere una nuova attività imprenditoriale.

Il finanziamento consente di ottenere per il primo anno un finanziamento a fondo perduto e dal secondo anno in poi prestiti ad un tasso agevolato.

Come ottenerlo: i requisiti necessari

Per effettuare la domanda di prestito d’onore occorrono la maggiore età, la non occupazione per almeno sei mesi precedenti alla presentazione della domanda, e la residenza nel territorio coperto dalle agevolazioni.

In base al Dlgs 185/2000, tre sono gli ambiti d’impresa per cui è ammessa la domanda: 1) per creare una microimpresa; 2) per il lavoro autonomo; 3) per avviare un’attività in franchising. E’ richiesto lo svolgimento di un’attività di produzione di beni o servizi, mentre vengono rifiutate le domande relative ai settori dell’agricoltura e ittico.

A seconda dell’ente erogante (Invitalia, Regioni, Comuni, ecc…) occorrerà andare sul sito di riferimento per informarsi sui bandi e presentare la domanda.

Vantaggi

I vantaggi economici si sostanziano nella possibilità di godere di:

  • un contributo a fondo perduto sugli investimenti, pari al 50% degli oneri sostenuti , riconosciuto fino al raggiungimento del limite massimo pari a 15.500 euro;
  • un finanziamento quinquennale a tasso agevolato (pari al 30% del tasso di riferimento vigente alla data di stipula del contratto di finanziamento), per la copertura di tutti gli oneri finanziabili;
  • un contributo a fondo perduto pari a 5,165 euro previsto per la gestione aziendale;
  • il rimborso del finanziamento, poi, seguirà un piano di rientro articolato su rate trimestrali.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Prestito d’onore, come funziona e come si ottiene? Ecco la guida  

Tag

, ,

Articoli simili

Autore

41 anni, laurea in giurisprudenza. Esperta in comunicazione e relazioni pubbliche, in particolare nello sviluppo strategico e coerente delle attività di comunicazione Corporate e Consumer, gestione diretta delle media relation e media partnership, ideazione e gestione di progetti e campagne d’informazione sociale. Curiosa, esprime le proprie scelte con intrepida avventura, consapevolezza, disciplina e amore profondo, perché ogni istante è sapore e opportunità.

 
 

4 Commenti

  1. tommy scrive:

    dove si presenta la domanda per il prestito d’onore e quali documenti ci vogliono

 
 

Lascia un commento