Prestito tra privati con il Social Lending

 

Arriva anche in Italia una nuova formula di prestito tra privati che spopola negli Stati Uniti e in alcune parti dell'Europa

Grandi novità per il settore dei prestiti tra privati: è infatti in arrivo anche in Italia il cosiddetto Social Lending, una nuova forma di prestito tra privati che comprende una formulazione innovativa relativa alla richiesta e alla concessione in materia di finanziamenti nettamente e maggiormente rapida rispetto ai metodi tradizionali, una sorta di finanziamento sociale già molto diffuso negli Stati Uniti e in alcuni Stati Membri dell’Unione Europea come l’Inghilterra, la Francia e la Germania.

La formula del Social Lending

Questa nuova formula prevede la presenza di un Lender ovvero un prestatore con funzione di agente diretto del prestito in denaro a tassi sostenibili nei confronti di più richiedenti, che agisce nel contesto della creazione di una soluzione alternativa alla richiesta e all’accesso al credito che non debba essere necessariamente effettuata con domanda alle banche o alle società’ finanziarie.

Si tratta di una forma di prestito tra privati a tasse non compromettenti ampiamente diffusa all’estero e che inizia ora anche la propria espansione sul nostro territorio nazionale, nata allo scopo di poter consentire a persone in difficoltà per la mancanza di determinati requisiti di ottenere un finanziamento magari in precedenza rifiutato dalle banche e con tassi d’interesse personalizzati in base alla propria storia creditizia.

Come funziona il Social Lending

Il meccanismo alla base di questo prestito tra privati prevede un frazionamento dell’importo di denaro prestato suddiviso in diversi piccoli finanziamenti, allo scopo di una riduzione massima dell’eventuale rischio, con tassi di insolvenza su un valore percentuale attorno al 0,9%.

Un successo di raggio internazionale che ha inoltre dimostrato quanto le persone fisiche siano meglio disposte alla restituzione di un prestito tra privati qualora questo sia erogato da altre persone fisiche.

L’esempio di Smartika

Su suolo nostrano, un esempio di Social Lending arriva direttamente da Smartika, l’Istituto di pagamento vigilato dalla Banca d’Italia, che per l’adozione di questa formula richiede soltanto una richiesta da effettuare online, sistema che ricorda molto il crowdfunding, con immediata risposta positiva o negativa e una commissione dell’1% al Lender e compresa tra lo 0,50 e il 2,50% al richiedente.

Grazie a questa soluzione di prestiti tra privati senza garanzie, sono stati già erogati 11.000.000 di prestiti nei confronti di 2.000 richiedenti con tassi compresi mediamente sotto il 6% e fino al 9,5%, da parte di 5.500 nuovi Lender, investitori che hanno scelto di prestare somme modeste ad altre persone allo scopo di ottenere un interessante rendimento in una maniera del tutto innovativa. Smartika si occupa inoltre di controllare attentamente il rischio del credito.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Prestito tra privati con il Social Lending  

Tag

,

Articoli simili

Autore

Laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha iniziato a scrivere tre anni fa mettendosi alla prova per gioco e con curiosità, trasformando pian piano le prerogative iniziali in un interesse e una passione crescente, fino ad arrivare a fare della scrittura una vera e propria attività, per condividere e comunicare quante più informazioni utili e possibili.

 
 

6 Commenti

  1. Giuseppe scrive:

    Ottimo sistema per soddisfare piccole esigenze finanziarie.

  2. michele scrive:

    salve sarebbe bello se fosse vero perche di questi siti ne o visti molti ma la maggi parte sono solo per cercare di trffare gualche 100 naiai di euro a gualcuno ok se poi mi sbaglio datemi una risposta con serieta e un oindizio per incontrarci da vicino ok anche al mio domicilio

  3. antonio scrive:

    vorrei informazioni su prestiti

  4. giuseppe scrive:

    sarebbe bello poter avere un piccolo prestito che in questo momento mi aiuterebbe a rimettermi in carreggiata con la mia attivita’.

 
 

Lascia un commento