Soglia tassi usura prestiti nel primo trimestre 2014

 

Ritocchi tendenzialmente verso l'alto per il calcolo tasso usura. Il tetto massimo che cambia ogni tre mesi, nel primo trimestre 2014 penalizza i consumatori.

Fissata la soglia dei tassi usura per prestiti nel primo trimestre 2014. Lo ha comunicato la Banca d’Italia, che ha effettuato il calcolo del tasso di usare e ha deciso quale debba essere la definizione dei tassi di interesse effettivi globali medi validi dal primo gennaio fino al 31 marzo del 2014. Questo serve a definire il tasso massimo usura, e permette di stabilire quale sia la soglia massima applicabile su mutui e rata di prestito da parte di banche e finanziarie. Coi ritocchi verso l’alto si legittimano le richieste di tassi di interesse più alti rispetto al passato.

La stessa definizione tabellare incide anche su altre operazioni che si fanno abitualmente nelle banche, ad esempio contratti di leasing, aperture di conto corrente, i prestiti personali, il credito revolving. Quindi, allo stesso modo, sono permesse le applicazioni al costo per i consumatori di tassi più alti.

Nelle scelte del Ministero dell’Economia e delle Finanze nella soglia tasso usura 2014 ci sono delle variazioni rispetto al trimestre precedente. In particolare si osserva che per il calcolo tasso usura, il tasso massimo usura è aumentato in molte categorie di operazioni. In particolare è accaduto per i tassi soglia dei mutui, che sono aumentati per quanto concerne i finanziamenti con garanzia ipotecaria a tasso variabile, il cui valore è salito da 8,6% a 8,76%. Rimane invece a 10,38% il tasso soglia per i mutui a tasso fisso.

A Palazzo Koch, sede della Banca d’Italia, cè anche una eccezione. Sono state previste anche ulteriore modifiche rispetto il tasso massimo usura: infatti sono diminuiti i tassi soglia dei prestiti finalizzati, come sono ad esempio i prestiti per le casalinghe: per quanto riguarda gli importi fino a 5.000 euro il tasso è passato da 19,40% a 19,32%, mentre per i prestiti con importo oltre i 5.000 euro e sceso da 16,45% a 16,43%.

Si registrano modifiche anche per i tassi soglia relativi a quei particolari prestiti personali che prevedano la cessione del quinto. Sono aumentati, infatti, sia per quanto riguarda gli importi fino a 5.000 euro (da 18,47% a 18,83%), sia per quelli superiori (da 18,55% a 18,28%). Invariato il tasso massimo usura relativo ai prestiti personali, che resta al 18,98%.

Le tabelle relative al periodo primo gennaio – 31 marzo 2014 prevedono cambiamenti con ritocchi verso l’alto per quel che riguarda la soglia tasso usura per i conti correnti: se si va ad aprire un conto corrente di base, per importi fino a 5.000 euro si paga di più il costo del prestito, dal 18,22% a 18,27%. Discorso diverso per quel che riguarda gli importi superiori a 5.000 euro: in questo caso il tasso è diminuito da 16,66% a 16,57%.

Ecco la tabella per la verifica del tasso usuraio valida dal 1° gennaio 2014 al 31 marzo 2014.

Tipologia finanziamento Importo
Tasso medio (%)
Tasso soglia (%)
Apertura credito in conto corrente fino a 5.000 euro
11,42
18,2750
oltre 5.000 euro
10,06
16,5750
Scoperti senza affidamento fino a 1.500 euro
16,19
24,9000
oltre 1.500 euro
15,29
23,1125
Anticipi e sconti fino a 5.000 euro
8,92
14,0375
da 5.000 a 100.000
8,03
14,0250
oltre 100.000 euro
5,49
10,8625
Crediti personali tutti gli importi
11,99
18,9875
Altri finanziamenti alle famiglie e alle imprese tutti gli importi
10,65
17,3250
Prestiti contro cessione del quinto dello stipendio e pensione fino a 5.000 euro
11,46
18,3250
oltre 5.000 euro
11,35
18,1875
Credito finalizzato fino a 5.000 euro
12,26
19,3250
oltre 5.000 euro
9,95
16,4375
Credito revolving fino a 5.000 euro
16,99
24,9900
oltre 5.000 euro
12,26
19,3250
Mutui a tasso variabile tutti gli importi
5,11
10,3875
Mutui a tasso fisso tutti gli importi
3,81
8,7625
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Soglia tassi usura prestiti nel primo trimestre 2014  

Tag

, , ,

Articoli simili

Autore

Giornalista content editor esperta di seo e specializzata in economia, cronaca interna e cronaca estera. Insegno comunicazione e giornalismo

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento